Tutela Del Patrimonio Artistico

 

sociale1

La ricchezza, la varietà e l’unicità del patrimonio culturale dell’Italia rappresenta la più alta espressione dell’ingegno e dello spirito creativo della nostra terra in oltre duemila anni di storia, oltre che l’elemento fondante della nostra identità nazionale.

Infatti, come diceva l’ex presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi: “È nel nostro patrimonio artistico […] che risiede il cuore della nostra identità, di quella Nazione che è nata ben prima dello Stato e ne rappresenta la più alta legittimazione”.  

L’Italia, secondo i dati dell’UNESCO, possiede il maggior numero di patrimoni dell’umanità riconosciuti al mondo (51 totali di cui 47 culturali e 4 naturali) oltre a più di 5000 tra musei, monumenti e siti archeologici, che nel complesso hanno generato nel 2015 introiti pari a 84 miliardi di euro (Fondazione “Symbolia”).

Farmigea è una realtà aziendale storicamente legata al territorio di Pisa, sede di monumenti artistici di fama mondiale e dimora di grandi personaggi storici, quali Galileo Galilei e Gabriele D’Annunzio.

sociale2

  

Per questa ragione l’azienda non poteva non sviluppare una profonda sensibilità alla difesa e promozione del patrimonio artistico e culturale italiano. Con l’obiettivo di esprimere la propria vicinanza alle bellezze artistiche del Bel Paese, Farmigea nel 2012 ha promosso e finanziato con il FAI (Fondo ambiente italiano) la campagna “CON L’ITALIA NEGLI OCCHI”, finalizzata al restauro del “Ritratto di Gentiluomo”, dipinto su olio risalente al XIX secolo, presso la Casa Carbone di Lavagna (GE). In occasione del 92° congresso SOI (Società Oftalmologica italiana) di Roma, il personale di Farmigea distribuì ai medici presenti un coupon raffigurante il famoso “buco della serratura” del cancello della Villa del Priorato di Malta, che avrebbero dovuto consegnare al nostro stand per poter contribuire all’iniziativa. Farmigea avrebbe donato al FAI una quota di denaro calcolata sul numero dei medici che aderivano a “CON L’ITALIA NEGLI OCCHI”.

Su un totale di 1200 coupon distribuiti, 540 sono stati consegnati allo stand di Farmigea, che è così riuscita a raggiungere la quota di 2000 euro da destinare al restauro del ritratto ottocentesco.

Si può scorgere il colle Aventino ed in lontananza la cupola di San Pietro 

 
Sposta la barra a destra e sinistra dell'immagine, vedraio gli effetti del restauro.